• +39 0881 202736
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Riciclaggio rifiuti

La necessità di smaltire correttamente i rifiuti inerti provenienti da demolizioni/costruzioni e scavi, attraverso il reperimento di nuove discariche da un lato e la sempre maggiore difficoltà nel reperire siti per nuove escavazioni di materiali inerti dall’altro, stanno orientando privati e Pubbliche Amministrazioni ad affrontare con decisione la possibilità di raccogliere , trattare e riciclare la gran parte dei materiali inerti destinati alla discarica controllata di 2 categoria tipo “A” o ancora peggio alla dispersione incontrollata sul territorio. Da qui la necessità di dotare il bacino territoriale di Foggia di un omogeneo impianto che possa diventare centro di raccolta e trattamento degli inerti da scavi, demolizioni e costruzioni, centro che possa diventare punto di commercializzazione delle varie tipologie di materiale da rimettere nel ciclo produttivo del settore edilizio ed assimilato.

In questo modo si otterranno vari risultati , il primo è sicuramente quello di salvaguardare fette di territorio che dovevano essere destinate a discariche per rifiuti inerti, il secondo la produzione, attraverso questo centro di recupero inerti, di varie pezzature, assolutamente valido dal punto di vista tecnico e quindi in grado di sostituire parzialmente la necessità di nuove escavazioni, il terzo l’affermazione di una filosofia del riutilizzo che è già diffusa da anni nel resto d’Europa, ma che stenta ad affermarsi nel nostro Paese, filosofia secondo la quale tutto ciò che può essere riutilizzato va riutilizzato a generale beneficio della collettività e dell’ambiente naturale in cui viviamo.

Inoltre, la filosofia secondo la quale tutto ciò che può essere riutilizzato va riutilizzato a generale beneficio della collettività e dell’ambiente naturale in cui viviamo ci ha spronato alcuni anni fa ad abbandonare l’idea di continuare a puntare sullo smaltimento dei rifiuti tramite discarica ed a ricercare soluzioni di recupero di M.P.S. finalizzato al riciclaggio e riutilizzo nei cicli produttivi e di consumo.

Sulla base della predetta filosofia anticipando l’intenzione del legislatore (Ministro Edo Ronchi D. Lgs 05/02/97 n. 22)  fu elaborato nel 1996 un progetto esecutivo di un impianto polifunzionale di trattamento MPS e speciali finalizzato al riutilizzo capace di recuperare rifiuti industriali/artigianali e demolizioni .

L’iniziativa è stata anche oggetto di finanziamento pubblico ai sensi della 488/92.

L’intero impianto polifunzionale consta di una piattaforma adibita al trattamento e recupero di rifiuti inerti derivanti dalle attività di demolizioni/costruzioni.

 

 

Individuazione delle tipologie di rifiuti da recuperare

I rifiuti da trattare e recuperare sono individuati dal D. LGS. 152/06.

Tra le varie tipologie di rifiuti che è possibile recuperare ricordiamo che essi sono costituiti principalmente da laterizi, intonaci, conglomerati di cemento armato e non, traverse e traversoni ferroviari, pali in calcestruzzo armato, frammenti di rivestimento stradali, ecc. purché privi di amianto, provenienti principalmente dall’attività edilizia e assimilate.

 

Descrizione del ciclo di trattamento e recupero rifiuti

 

I rifiuti inerti conferiti presso l’impianto polifunzionale devono essere accompagnati da apposito formulario di identificazione del rifiuto così come imposto dal D.LGS. 152/06, emesso in quattro esemplari, dal quale devono risultare i dati del produttore, del detentore, la tipologia del rifiuto, l’impianto di destinazione nonché i dati del destinatario. La quarta copia di tale formulario, firmata e timbrata per accettazione da parte dell’impianto di riciclaggio, attesta l’avvenuto smaltimento del materiale conferito secondo la normativa vigente.

I rifiuti conferiti vengono controllati e messi in riserva in maniera omogenea rispetto alla tipologia di rifiuto. Durante la lavorazione i rifiuti sono epurati dalle frazioni leggere (carta, cartoni, plastica, legno, ecc...), mentre i materiali ferrosi vengono recuperati.

L’attività è scrupolosamente regolata con registro di carico e scarico e relativa denuncia annuale con il M.U.D., così come previsto dalle norme.

 

Cosa produciamo

Il materiale inerte da demolizione/costruzione, dopo essere stato vagliato e trattato nel nostro impianto ha un campo di utilizzazione e recupero abbastanza vasto nel settore edilizio e similare nonché delle infrastrutture, tra i quali segnaliamo:

  • Riempimenti di scavi di infrastrutture in rete (acquedotti, gasdotti, fognature, ecc.);
  • Formazione di piazzali;
  • Sottofondi di capannoni industriali;
  • Calcestruzzi a bassa resistenza;
  • Misti cementati per sovrastrutture stradali;
  • Conglomerati cementizi.

Il materiale prodotto, da commercializzare è costituito da 4 pezzature di diverse granulometrie:

  • Stabilizzato ( 0 - 30 mm);
  • Sabbione ( 0 -   6 mm);
  • Pietrisco (10 - 15 mm);
  • Pietrame (30 - 70 mm);

Il materiale è conforme alle norme CNR-UNI 10006, inoltre ogni partita di materia prima secondaria prodotta prima di essere commercializzata viene certificata (analisi chimico-fisica), così come previsto dall’Allegato 3 al D.M. 5 febbraio 1998 (test di cessione), affinché si attesti l’idoneità del prodotto ad essere avviato al recupero.

 

DSC0275
DSC0261
DSC0260
DSC0259
DSC0258
DSC0257
DSC0256
DSC0255
DSC0254
DSC0234


INFORMAZIONI SUL NOSTRO IMPIANTO

Per vedere le informazioni sul nostro impianto bisogna essere in possesso della password.

Nuova San Michele società cooperativa

S.S. Foggia-Trinitapoli di 0,640 Km (Foggia)

Tel. +39 0881 202736

Fax. +39 0881 200331

Email: info@nuovasanmichele.it

Informativa sulla privacy e cookie